sabato 4 febbraio 2012

Panettone is on the Table.. again con la Panetun Night!

English Version Coming Soon
Non sono impazzita, so che San Biagio è il 3 febbraio ed è già passato, ma da buona milanese so anche che solo il 50% delle persone che tengono una fetta di panettone da mangiare per proteggere la gola, come vuole la tradizione, si ricordano poi realmente di farlo. Ecco perchè vorrei approfittarne per dare a tutti quelli che si ritrovano i famosi Panettone leftovers, un modo di riutilizzarli magari in un modo un po' più creativo del solito.
L'idea è venuta dalla Panetun Night, una cena tenutasi il 31 gennaio al The Hub hotel di Milano a base di Panettone Loison e annaffiato da ottimo vino Le Colture di Valdobbiadene, che trovate in questi giorni anche al Food and Wine Festival di Milano.
Non devo di certo specificare che il Panettone fa parte del mio DNA, ma come la maggior parte delle persone l'ho sempre confinato alla tavola delle feste, facendo bella mostra delle fette rimaste con simpatiche rivisitazione in chiave dolciaria, è stata la mia prima esperienza di cucina creativa con Panettone e non ne sono rimasta di certo delusa. Le creazioni del Resident Chef Sandro Mesiti e dello Chef Ospite Alberto Basso del ristorante 3quarti di Grancona (VI) ci hanno fatto scoprire un Panettone Insolito ispirandosi alle idee dallo Chef stellato Fabrizio Ferrari ha raccolte nel ricettario Mille e un Panettone.
Quello con il Panettone, un accostamento non sempre facile da indovinare e da assaggiare, ma  riuscitissimo anche in abbinamento a vini Brut nemici per eccellenza dell'ultima portata del menù.
Dal Millefoglie di Panettone e Fois Gras accompagnato da un Valdobbiadene DOCG Spumante Cartizze del 2011 al Filetto Di Vitello in Panure di Panettone, senza niente togliere al dessert per il quale sarebbe stato troppo facile cadere nella banalità è che invece ha saputo stupire con 3 rivisitazioni (apprezzatissimo il gelato con fiori di pepe Sechuan racchiuso tra due dischi di Panettone, una vera delizia).

Loison lavora con la stessa creatività nella produzione della sua gamma dal 1938, producendo con un lievito madre a base di frumento, acqua, latte e frutta. 
Un' azienda internazionale con una grande attenzione ai prodotti del territorio, che impiega presidi Slow Food come il Chinotto di Savona o il Mandarino Tardivo di Ciaculli negli oltre 80 prodotti della sua gamma di pasticceria.
Ma al di là di queste squisitezze servite al Mirror Restaurant, volevo darvi anche un paio di consigli trovati in rete su come portare sulla nostra tavola questo prodotto d'eccellenza del nostro Paese non solo a Natale.

13 commenti:

  1. Che bello, sono la prima a posare la "penna" sul tuo post. Posso solo aggiungere che il panettone deve avere anche strane doti euforizzanti... dato quanto abbiamo riso. O forse era il vino?! Beh, non conta. Il panettone di San Biagio da martedì porta fortuna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che onore! Può essere che fosse il vino ma tanto io faccio casino anche da sobria!

      Elimina
  2. grazie! mi sarebbe piaciuto anche essere a quell'evento, che bontà!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti nascondo che si è mangiato proprio bene!

      Elimina
  3. Che sorpresa, grazie davvero, conosco i Panettoni Loison e li ho adoperati per altre ricettine salate,una prelibatezza :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quello che ho potuto assaggiare non posso proprio darti torto

      Elimina
  4. ciao Fra,
    grazie per la segnalazione :-)
    Uffi avrei tanto voluto esserci anch'io alla serata al The Hub, ma scendo a fine febbraio... vabbè next tima magari ci incontriamo
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati Sonia spero ti poterti incontrare alla prossima!

      Elimina
  5. Ciao! Piacere di conoscere te e il tuo blog!
    Stiamo pensando di organizzare una serata "pizza" tra foodblogger milanesi, una cosa informale tanto per conoscerci e passare qualche piacevole oretta insieme
    Pensaci, se ti va mi trovi su scorribandeincucina.blogspot.com

    A presto, franci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a te Francy, mi sembra una bella iniziativa abbiamo provato più volte ad organizzare degli incontri ma non è stato semplice, spero che stavolta possa andare in porto

      Elimina
  6. Che buono, ho già l'acquolina in bocca, anche se il 3 febbraio è gia passato però voglio provarci lo stesso :D

    Ciao

    RispondiElimina
  7. Essendo di origine milanese anche io il panettone l'ho nel dna e me lo porto sempre appresso ogni Natale :) Le foto sono deliziose ma anche la cena non è da meno :)

    RispondiElimina

Cosa ne pensate voi?