venerdì 8 gennaio 2010

Kentucky Fried Chicken a modo Mio


Uff, menomale che un'altra settimana è passata, e con lei è passata anche l'ultima festa di inizio anno. Non mi sono mai goduta veramente l'Epifania, anche quando ero cucciola; non ne conosco veramente il motivo ma ahimè è rimasto così.


Quindi quest'anno ho deciso di passare la mattina con la mia famiglia e la sera di organizzare una cena leggera tra amici e una partita a trivial (che alla fine presi dalle chiacchiere non abbiamo fatto).


Ci sono anche altre cose che non abbiamo fatto, una di quelle è il mio ormai famoso pollo fritto, diciamo che come al solito avevo preparato già troppe cose e una pietanza in più sarebbe stata sprecata. Ma perchè io sono sempre così?!?!? Cucino sempre per 18 quando siamo 10 in meno, sarà che ho il terrore che non bastino le cose in tavola. Succede anche a voi?


Ieri sera, tornata dalla mia ostica giornata lavorativa, mi è stato fatta una proposta che non potevo rifiutare : preparare il pollo.


Questa ricetta è di una semplicità pressochè incredibile, non ci sono reali misure o indicazioni da seguire alla lettera, ma il sapore è davvero qualcosa di speciale. Il tutto deriva da una lezione sul Brunch del mitico Jason, alla quale non ho potuto prendere parte a causa di un mega febbrone che mi ha costretta a letto, la mia disperazione ha commosso i partecipanti che hanno deciso di passarmi gli appunti ed eccola qui, provatela, cambiatela fate tutte le prove che volete, basta che poi non vi dimenticate di condividere!!!!!


L'unico appunto che mi sento di fare è che il reale Kentucky Fried Chicken non è fatto solo con il petto. E' ottimo da mangiare sorseggiando un delizioso tè freddo.



INGREDIENTI per 4 persone:
200g di latte (io ne uso sempre circa un bicchiere)
200g di acqua (come sopra)
1 uovo
Salsa di soia
Pollo a pezzi (per 4 persone non fate nulla sotto il 1/2 kg perchè va letteralmente a ruba)
Curry
Farina (io uso rigorosamente quella di mais, rende il pollo di un colore incredibilmente dorato, non assorbe olio e dona un gusto ancora più particolare)


Unite l'acqua, il latte, la salsa di soia e l'uovo in una ciotola sbattendo leggermente. Immergere i pezzi di pollo tagliati per almeno 5 minuti e a piacere regolare la salsa di soia. Mischiare farina e curry impanando i pezzi di pollo.
Friggere per 3-4 minuti in olio di semi di arachidi a circa 160°.

7 commenti:

  1. Sei un mito! Con questa frittura, fatta peraltro con il pangrattato di mais, ti sei guadagnata la mia stima per sempre!
    Baci
    Stefania

    RispondiElimina
  2. Bellissima dritta quella della farina di mais anche per il pollo! Sai io che ci friggo con quella farina? I porcini, e diventano buonissimi! Buono anche il curry: la salsa di soya poi deve dare davvero un ottimo sapore, oltre che concorrere anch'essa ad una perfetta doratura...brava! :-)

    RispondiElimina
  3. lasciatelo dire da una che ne ha mangiato di KFC da quando sono nata , ci hai provato e sembra delizioso davvero da leccarsi le dita ma gli ingredienti usati non sono quelli . il latte viene usato per ammorbidire la carne del pollo , ma nela impanatura cè un intruillio di spezie che gli conferisce quel sapore rustico. Spero che non te la prendi il mio non è un rimprovero tanto hai detto " a modo mio " ma visto che ci sono nata dentro non potevo starmene zitta ,la vera ricetta è top secret.... baci !

    RispondiElimina
  4. ***fantasie grazie mi lusinghi ma sono lungi dal sentirmi un mito :)

    ***Romy la salsa di soia è stata una scoperta anche per me che ero decisamente restia al suo utilizzo. Provaci magari!

    ***Mary figurati se mi offendo, se dovessi farlo non sarei qui a scrivere! Come hai ben notato ho scritto appunto a modo mio in quando non voleva essere la bibbia del KFC, tutt'altro. Conosco bene la ricetta del vero fried chicken southern style visto che anche io me ne sono fatta una grossa scorpacciata durante i miei studi scolastici nel Missouri. Credo però che anche di questa ne esistano varie versioni, come esistono per il risotto alla milanese.. ogni famiglia si tramanda la sua. E non ti preoccupare mi piacciono molto le discussioni, soprattutto quelle costruttive.

    RispondiElimina
  5. Partecipa anche tu al concorso de La Cucina Italiana:
    LA TAGLIATELLA NAZIONALE

    Per info:
    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112

    Scade il 10 Febbraio 2010.
    Buon lavoro!

    RispondiElimina
  6. ma è fantastica questa ricetta, invece del solito pollo...
    Annoto subito! a presto e buon w.e.

    Betty

    RispondiElimina

Cosa ne pensate voi?